Che cos’è l’Holter cardiaco e a cosa serve?

Holter cardiaco: cos’è e in cosa consiste?

Che cos’è l’ECG dinamico secondo Holter e a cosa serve?

L’holter cardiaco o ECG dinamico o elettrocardiogramma dinamico completo è un test diagnostico non invasivo e indolore che permette di registrare 24/24 h l’attività elettrica del cuore. L’Holter è uno speciale tipo di elettrocardiogramma che monitora l’attività cardiaca per un giorno intero o più. Il corretto funzionamento del cuore e dell’apparato cardiocircolatorio sono di cruciale importanza per il benessere del nostro corpo e l’Holter rientra tra gli strumenti più importanti per la prevenzione cardiologica: individuare le aritmie, accerta che se il pacemaker o il defibrillatore cardioconverter (nei soggetti portatori ) funzionino bene, appura se una terapia farmacologica sta creando degli effetti positivi o negativi sul paziente. Se tra le domande più frequenti che vengono poste al nostro cardiologo di Cagliari troviamo il quando fare una visita dal cardiologo, altrettanto spesso ci si pone il quesito sul come prevenire e accertarsi se il nostro cuore sia ancora forte e la sua attività ottimale per la propria età.

In cosa consiste un Holter cardiaco

Attraverso un elettrocardiografo portatile a batteria vengono posizionate sul torace del paziente delle piastrine che rilevano e registrano qualsiasi anomalia nell’attività del cuore. In seguito ad un’accurata visita con il paziente, occorrono circa 15 minuti per il posizionamento delle piastrine. Per le 24 ore successive (fino a un massimo di 48 ore di monitoraggio), il paziente può procedere con la sua routine e condurre una vita “normale” per tutta la durata dell’esame. Unici accorgimenti sono di non bagnare gli elettrodi e l’elettrocardiografo, non svolgere attività che porterebbero al distacco, non avvicinarsi a campi magnetici o elettrici.

L’elettrocardiogramma dinamico non da nessuna controindicazione, gli elettrodi non emettono elettricità e l’unico fastidio che si potrà avvertire sarà solo il fastidio da rimozione delle piastrine che aderiscono al corpo come delle mini ventose. In ogni caso, a rassicurare il paziente è un pulsante di emergenza che spegne e blocca l’elettrocardiografo portatile.

I risultati dell’holter cardiaco

Trascorre le 24-48 h, il paziente dovrà recarsi dal medico per la rimozione del dispositivo. I risultati dell’ECG dinamico sono nel concreto la registrazione grafica del ritmo e dell’attività elettrica del cuore come il referto di un elettrocardiogramma ma di una lunghezza superiore. In caso di risultati sufficienti e attendibili, si procede con una cura se necessario mentre nel caso di una registrazione dell’attività del cuore non soddisfacente per la valutazione di alterazioni sospettate, il test verrà ripetuto, anche a distanza di alcune settimane, per una durata più lunga. Tra i risultati possono emergere:

  • presenza di alterazioni strutturali cardiache
  • presenza di aritmie cardiache
  • alterazioni della conduzione elettrica
  • ischemie o infarto del miocardio
  • malfunzionamento di un pace-maker

Quando fare l’holter cardiaco?

In assenza di sintomi e come vi consiglierà il vostro cardiologo, non è necessario sottoporsi a un holter cardiaco. È raccomandato in caso di sospetto delle alterazioni nel normale ritmo del cuore o in seguito a un attacco cardiaco o per accertamenti prima di iniziare una terapia farmacologica specifica.

Le malattie cardio-cerebrovascolari sono in Italia uno dei più importanti problemi di sanità pubblica e la prevenzione è sempre il consiglio migliore che possiamo darvi.