Gnatologia

Di cosa si occupa la Gnatologia?

La gnatologia è quella disciplina odontoiatrica che si occupa dello studio delle fisiopatologia delle diverse strutture che sono normalmente coinvolte nella masticazione. L’atto masticatorio è infatti un complesso processo nel quale interagiscono l’osso mascellare superiore ed inferiore (mandibola), i denti, i diversi muscoli mimici, masticatori ed i legamenti che vanno a comporre l’elemento fondamentale ed il fulcro di questo “ingranaggio” ovvero l’articolazione temporo-mandibolare o ATM. Questa normalmente permette lo scorrere dei capi articolari della mandibola (condili) nelle fosse glenoidi (glenoidee) del mascellare superiore per mezzo dell’interposizione di un piccolo disco articolare e grazie all’azione di specifici legamenti e muscoli masticatori. Le patologie riguardanti l’ATM impediscono una corretta occlusione, che spesso si manifesta con deviazione della mandibola in apertura o chiusura, dolore all’atto masticatorio, presenza di click o altri rumori ed addirittura blocco articolare o dislocazione dei capi articolari lussati. Molta importanza in gnatologia viene data alla valutazione dei complessi sistemi che interagiscono con quello masticatorio come ad esempio quello della respirazione e della postura e sulla correlazione tra le varie patologie degli stessi. Nasce così quella che comunemente viene definita gnatologia posturale. Tutti questi fattori evidenziano come sia importante non trascurare le patologie dell’ATM che con il tempo possono determinare danni irreversibili alle strutture in essa comprese con un netto abbassamento della qualità di vita del paziente.

Principali trattamenti di Gnatologia

Bite diagnostici e di de-programmazione di ATM

Il bite è un placca di resina che viene utilizzata per modificare la relazione occlusale tra le due arcate, senza alterare in maniera irreversibile la salute e la posizione degli elementi dentali. I bite utilizzati in odontoiatria sono differenti a seconda della presenza delle alterazioni  ma il loro compito principale è quello di riprogrammare la funzione neuronale, muscolare ed articolare, collocando la mandibola nella giusta posizione.
Tra i vari bite abbiamo:
a) Bite di riposizionamento (ortotici) con una superficie di contatto con i denti dell’arcata opposta che riproduce forme dentali diverse da quelle presenti, ridefinendo una nuova occlusione dentale e permettendo di verificare nel tempo la sua efficacia fisiologica.
b) Bite di svincolo con una superficie di contatto con i denti dell’arcata opposta piana.
c) Bite neutri che replicano la forma dei denti, creando uno spessore di interposizione ed evitando il consumo dei denti nei casi di digrignamento notturno (bruxismo).

Percorsi di Riabilitazione mio-funzionale ATM

La terapia delle malocclusioni e delle patologie dell ATM se non trattata chirurgicamente, in una fase iniziale passa attraverso un lento percorso di fisioterapia e riabilitazione funzionale, determinando una diminuzione dei sintomi, un riequilibrio delle strutture interessate e ridando così una nuova coordinazione ed armonia all’atto masticatorio. Le principali tecniche rieducative sono la massoterapia decontratturante basata su particolari massaggi manuali praticati a livello cervicale e facciali, la rieducazione posturale ovvero un insieme di esercizi e pratiche respiratorie capaci di correggere errate posture corporee e le attività di recupero funzionali. Il tutto viene normalmente associato ad una terapia medica con antidolorifici e miorilassanti al fine di supportare, almeno in fase iniziale, il percorso riabilitativo.

Prenota Ora

[[[[]],[[]],"and"]]
1 Step 1
Nome e Cognomeyour full name
Telefonoyour full name
MessaggioDettagli richiesta
0 /
Previous
Next

Hai bisogno di informazioni dettagliate?
Contattaci telefonicamente