Centro Anti Fumo

COLLOQUIO PSICOLOGICO MOTIVAZIONALE
+
VISITA DEL MEDICO SPECIALISTA IN PNEUMOLOGIA
+
SCREENING VELSCOP
(Per la prevenzione del Cancro al Cavo Orale)

90€

[[[[]],[[]],"and"]]
1 Step 1
Nome e Cognomeyour full name
Telefonoyour full name
MessaggioDettagli richiesta
0 /
Previous
Next

Il primo passo per Smettere di Fumare è VOLERLO

Al Centro Medico I Mulini il percorso inizia con un colloquio psicologico motivazionale, prosegue con la visita medico specialistica del Medico Pneumologo e con lo Screening del Cavo Orale tramite Velscop strumento che aiuta ad individuare possibili lesioni cancerose.

 

L’obiettivo del Centro Antifumo attivato all’interno del Centro Medico I Mulini è quello di aiutare i Fumatori a:

SUPERARE GLI ALIBI

Domani smetto, smetto quando voglio, ma…

 

Il problema dello smettere di Fumare è proprio quel ma: l’alibi, la scusa che non permette di prendere realmente la decisione.

 

Al Centro Medico I Mulini, grazie alla collaborazione degli Specialisti del Centro, riuscirai a superare tutte le scuse.

 

La sigaretta aiuta a rilassarsi, concentrarsi, prendere decisioni. Gratificato dalla sensazione di benessere che ne deriva, spesso capita che il fumatore adduca una lunga serie di scuse allo scopo di procrastinare la decisione finale.

Ecco l’elenco delle più utilizzate:

 

  • “Non posso farcela, non ho abbastanza forza di volontà” 
    Per questo motivo il team psicologico del Centro Medico I Mulini ti aiuterà tramite ascolto, sostegno e affiancamento ad individuare le situazioni in cui il desiderio di “accendere la sigaretta” si fa più forte e cercare strategie alternative per non farlo.Smettere di fumare non dipende solo dalla determinazione, ma dalla capacità di riorganizzare il proprio stile di vita.

 

  • “Aumenterò di peso”
    Possiamo cominciare con il dirti che questo è falso o è vero solamente in parte. Il metabolismo si ristabilisce nel giro di tre mesi, ma quello che bisogna evitare è mangiare per il “nervoso”. Per questo motivo il sostegno psicologico deve essere affiancato fin da subito da un’alimentazione sana ed equilibrata e da una regolare attività fisica (mezz’ora di camminata al giorno).

 

  • “Diventerò nervoso e irrequieto”
    Anche questi sono alibi che possono essere “facilmente” superati perché la crisi di astinenza si supera entro un paio di settimane; anche in questo caso è sufficiente programmare le giornate pensando all’attività fisica e ad un corretto equilibrio tra sonno, veglia, lavoro e relax limitando il consumo di bevande come il caffè che, per abitudine, tendono a “trainare” il consumo di sigarette.

 

  • “Fumo poco e light”
    Non esistono sigarette meno nocive di altre, e un dosaggio inferiore di nicotina non ridurrà i danni provocati dal fumo.

 

  • “Non mi causa nessun reale problema”
    Smettere aiuta a prevenire e, quindi, ad evitare i problemi che potrebbero nascere dal Fumare.

I BENEFICI

I benefici legati allo smettere di fumare si vedono fin dalle prime ore e aumentano progressivamente con il trascorrere dei giorni, delle settimane, dei mesi e degli anni.

 

Ecco cosa succede al nostro organismo:

 

Dopo 8 ore di astinenza:

La Frequenza cardiaca e la pressione arteriosa tendono ad abbassarsi con importanti benefici a tutto l’organismo che, per effetto di ciò, risulterà più energico e meno sotto “stress”.

 

In due giorni:

Gusto e olfatto riprenderanno il loro ruolo centrale nella vita di tutti i giorni permettendoci di godere delle piccole cose belle della vita.

 

Il terzo giorno:

Camminare e parlare sarà decisamente più facile e piacevole perché l’assenza di Fumo comporterà un miglioramento sensibile della capacità polmonare.

 

Tra le due e le otto settimane:

Pelle e capelli riacquisteranno un aspetto più sano, la pelle diventerà più elastica, le rughe si attenueranno e l’aspetto generale del viso e delle mani sarà più fresco, vitale e giovanile.
La respirazione continuerà a migliorare, la pressione arteriosa e la frequenza cardiaca si stabilizzeranno e si avrà un sensibile aumento della vitalità e delle energie mentali e corporee.

 

In tre mesi:

La tosse cronica sparirà, e l’aumento di peso iniziale, se accompagnato da un’alimentazione sana e da un’attività fisica regolare, si stabilizzerà…

 

Tutto questo porterà ad una notevole (quasi totale) riduzione del rischio di tumore polmonare e malattie cardiache.

EVITA LE RICADUTE

Evitare le ricadute è importantissimo soprattutto nella prima fase. Per questo motivo è necessario trovare una serie di attività e distrazioni in grado di tenere mente, mani e corpo impegnati.

 

Fare passeggiate, tenere le mani occupate (ad esempio giocare con palline antistress), masticare gomme o caramelle senza zucchero, legnetti di liquirizia può aiutare parecchio ad evitare la gestualità legata all’”accensione della sigaretta”. È utile cercare interessi e stimoli positivi e, per quanto possibile, stare lontani da amici, conoscenti, persone che fumano, prediligendo nei luoghi pubblici le aree per non fumatori.

 

In un primo periodo, inoltre, è necessario anche evitare le bevande alcoliche ed il caffè; bevande che per loro natura tendono a venire abbinate alle sigarette.

 

L’alimentazione merita un particolare occhio di riguardo. La nicotina riduce o stimolo della fame e contemporaneamente provoca un leggero aumento del metabolismo. La fame nervosa, per chi smette di fumare è sempre in agguato perché il cibo diventa una valvola di sfogo. Per questo motivo è necessario rivolgersi ad un bravo dietologo e attivare una serie di piccoli accorgimenti:

 

  • Svolgere regolarmente attività fisica (è sufficiente camminare a passo svelto 30 minuti al giorno) aiuta l’organismo a ristabilire il metabolismo basale, a ridurre i tempi morti e di immobilità, a controllare il senso di sazietà ed a favorisce l’aumento della massa muscolare magra. L’attività fisica svolta con regolarità, aiuta inoltre il sistema cardiovascolare, migliora l’assorbimento dei glucidi e rende i tessuti più giovani e ossigenati.

 

  • Evitare diete drastiche e auto-prescritte; andare sempre verso una dieta mediterranea equilibrata con un importante apporto di frutta, verdura, legumi e fibre.

 

  • Bisogna evitare caffè e bevande gassate, sostituibili con infusi di erbe e tisane, da sorseggiare lungo l’arco della giornata. È anche bene limitare l’alcool, che contiene un elevato apporto calorico.

 

  • Contro gli attacchi di fame, è utile tenere a disposizione cibi a basso o nullo apporto calorico: verdure tagliate a pezzettini, ma anche acqua e chewing-gum senza zucchero.

GLI SPECIALISTI COINVOLTI

  • Psicologo e Psicoterpeuta specializzato sul Trattamento delle Dipendenze
  • Medico Specializzato in Pneumologia
  • Odontoiatra per lo studio del Cavo Orale

 

All occorrenza si può chiedere l’intervento di:

 

  • Medico Endocrinologo specializzato in Patologie Metaboliche
  • Medico Dietologo
  • Biologo Nutrizionista
  • Personal Trainer